I cosplayer sono degli “sfigati”!

Se avere una passione è essere sfigati... allora lo siamo tutti!






Il video in sé dice tutto, ma partiamo dal principio. FeeLyah, che molti conosceranno come Madame Red, solleva il problema nel suo blog con un articolo piuttosto interessante. In una pagina racchiude pensieri sul mondo del cosplay, racconta che cosa è e ciò che rappresenta per lei e per tutti coloro che amano una passione tanto creativa, quanto soddisfacente. Ricordate Lucignolo? Un video del noto rotocalco di Mediaset, ha dichiarato e fatto trasparire al mondo intero che i cosplayer sono una massa di sfigati. Ma andiamo per gradi: chi sono questi cosplayer? Bambini, ragazzi, adulti con una passione in comune: vestirsi dai propri personaggi preferiti che variano dai manga giapponesi alle famose serie tv americane. Alcuni fabbricano di proprio pugno gli abiti, armature, armi e ogni singolo dettaglio. Questo li rende sfigati? No. Essere cosplayer è un modo di condividere la propria passione con altre persone di ogni genere di età. Non avere pensieri, responsabilità, essere leggeri e qualcun altro per un determinato periodo di tempo.
Personalmente non mi vesto, ma ho amici nel mondo del cosplay. Persone con una vita sociale, che escono, si divertono, capaci di parlare di argomenti seri, socializzano anche con chi non ha la loro stessa passione. La domanda che mi pongo, però, è un'altra: chi dà il diritto di definire qualcun altro uno sfigato? Chi è esattamente lo sfigato? Chi ha una passione? Chi non ne ha?

0 commenti:

 
Le storie infinite di Tibi Blog Design by Ipietoon