Guadagnare con i social network? Sì, con Bubblews!

Dal 16 luglio spopola in America, il suo nome è Bubblews e nasce a San Francisco da Jason Zuccari, un ragazzo del 1988. Il suo è un progetto del tutto innovativo, vuoi saperne di più?

Il mondo internettiano porta con sé sempre nuovi metodi di guadagno. C'è chi ha fatto del web il suo mestiere ed è diventato un vero e proprio professionista nel suo settore e chi ha semplicemente voglia di pagarsi da solo i propri sfizi.
Conosciamo tutti i marketplace e i siti paid to write, ma a nessuno era ancora venuta in mente l'idea di guadagnare con i social network, almeno non scrivendo.

Bubblews si presenta con un'interfaccia grafica pulita, chiara ed essenziale. Esclusivamente in lingua inglese, ma intuitivo e semplice da utilizzare.
Per partecipare alla comunità, è necessario registrarsi, ma questo non richiede che pochi secondi. Una volta attivato l'account, è possibile cominciare l'avventura. In primis, si personalizza il proprio profilo per renderlo il più accattivante possibile. Si carica un'immagine come avatar e una più grande come copertina. Esatto, proprio il diario di Facebook, ma più ordinato e molto meno caotico.

Ok, ma come funziona?

Adesso, ci arrivo. Trovo sia l'incrocio perfetto tra Facebook e Twitter. Ecco, il funzionamento è pressoché identico, ma con qualche differenza.
La prima tra tutte, il numero di caratteri. 400 è il minimo di battute che si devono inserire per creare un post che puoi condividere tramite i due maggiori social network. La parte che ti interessa di più è come si guadagna, vero? Bubblews utilizza la metodologia adottata da molti paid to write: ogni "pollice in su" che si ottiene si guadagnano 0.01 $ e il payout avviene tramite PayPal al raggiungimento dei 50 $.
Non è molto e di certo non può considerarsi un lavoro e uno stipendio, ma se vuoi divertirti senza spendere nulla e guadagnare qualche soldino nel lungo periodo, beh, questo è il posto giusto. Tra l'altro, puoi crearti una rete di contatti, migliorare il tuo Inglese (che è cosa buona e giusta) e fare una nuove amicizie.
Io l'ho provato, mi sono iscritta ieri sera e oggi ho inviato il mio primo post che puoi trovare qui. Giusto un piccolo esempio scritto di gesto per comprendere il funzionamento di questa nuova e geniale piattaforma.

Si ringrazia Stewy Buothz per avermi fatto conoscere il progetto!

E voi siete iscritti? Come vi state trovando? Avete già scritto il vostro primo post? Fatemelo sapere nei commenti!

0 commenti:

 
Le storie infinite di Tibi Blog Design by Ipietoon